Mentre Papa Francesco il 20 giugno salirà a Barbiana a rendere omaggio al prete scomodo don Lorenzo Milani, nei giorni scorsi è morto, a 82 anni, un altro sacerdote inviso alle gerarchie ecclesiastiche: don Renzo Fanfani, parroco a Avane, Empoli. Uno dei primi preti operai italiani. Cresciuto nella Firenze di Giorgio La Pira e padre Ernesto Balducci. Grande difensore, in nome del Vangelo, dei principi della Costituzione e dei diritti dei lavoratori. A tal punto che la Cgil, nel 2006 inserì in 100 ritratti di lavoratori dalle storie emblematiche anche quello di don Fanfani.

“Sento che dovrei fare scelte più radicali. Dovrei di nuovo buttare il cappello per aria. Poi trovo un sacco di scuse, di giustificazioni ma è soltanto per il fatto che il fisico non reagisce più…”, confessa Fanfani nel video realizzato da Maria Zipoli e Pippo Onorati per il centenario della Cgil. La croce e il martello. Una storia molto umana, toccante, forse la più applaudita dal popolo della Cgil. Ilfattoquotidiano.it ripropone il video in omaggio ad un prete amante della libertà e sempre schierato dalla parte dei più umili e dei lavoratori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bari, bimba morta di Seu. La Asl: “Panico ingiustificato, non esiste alcun allarme. Nel 2016 le cifre erano molto più alte”

prev
Articolo Successivo

Vercelli, aliante precipita in Alta Valsesia: morto il pilota. Era stato il primo invalido a ottenere il brevetto da normodotato

next