“Noi difendiamo l’italiano ma il governo non fa nulla”. A tre mesi dall’appello dei 600 docenti universitari che avevano lanciato l’allarme sulle carenze linguistiche dei loro studenti, una rappresentanza di firmatari e il Gruppo di Firenze per la scuola del merito e della responsabilità tornano alla carica delusi, rammaricati perché la loro chiamata è caduta nel vuoto. Sabato al liceo classico “Tasso” si ritroveranno per denunciare pubblicamente l’assenza di risposte da parte del governo in merito al problema sollevato.

I 600, nel testo che a febbraio aveva aperto un gran dibattito, non erano stati per nulla teneri: “È chiaro ormai da molti anni – avevano scritto – che alla fine del percorso scolastico troppi ragazzi scrivono male in italiano, leggono poco e faticano a esprimersi oralmente. Da tempo i docenti universitari denunciano le carenze linguistiche dei loro studenti (grammatica, sintassi, lessico), con errori appena tollerabili in terza elementare. A fronte di una situazione così preoccupante il governo del sistema scolastico non reagisce in modo appropriato, anche perché il tema della correttezza ortografica e grammaticale è stato a lungo svalutato sul piano didattico più o meno da tutti i governi”.

Parole a cui erano seguite proposte concrete: la necessità di una revisione delle indicazioni nazionali; la partecipazione di docenti delle medie e delle superiori rispettivamente alla verifica in uscita dalla primaria e all’esame di terza media; l’introduzione di verifiche nazionali periodiche durante gli otto anni del primo ciclo ovvero dettati ortografici, riassunti, conoscenza del lessico, analisi grammaticale e scrittura corsiva a mano. Soluzioni di cui si è parlato per settimane sui media nazionali ma non nei palazzi. La lettera dei 600 era indirizzata al presidente del consiglio, alla ministra dell’Istruzione e al parlamento ma nessuno ha risposto al mittente.

“Sembrava che la ministra Valeria Fedeli ci volesse ricevere ma invece nulla. E’ nato un dibattito utile ma non si è presa alcuna direzione. Vogliamo – spiega Giorgio Razzini del Gruppo di Firenze – che il Miur assuma un ruolo, che non ha mai avuto, di orientamento e di verifica del lavoro fatto. Se nelle indicazioni c’è scritto che ci sono dei traguardi vanno verificati. Oggi manca questo strumento di verifica delle competenze di base”. I 600 difensori dell’italiano pensano a delle prove confrontabili, ad un sistema di valutazione sulle competenze di base. Lo avevano scritto anche a febbraio e ora lo vogliono ribadire con forza: “Siamo convinti che l’introduzione di momenti di seria verifica durante l’iter scolastico sia una condizione indispensabile per l’acquisizione e il consolidamento delle competenze di base. Questi momenti costituirebbero per gli allievi un incentivo a fare del proprio meglio e un’occasione  per abituarsi ad affrontare delle prove, pur senza drammatizzarle, mentre gli  insegnanti avrebbero finalmente dei chiari obiettivi comuni a tutte le scuole a cui finalizzare una parte significativa del loro lavoro”. Sabato dal liceo classico “Tasso” di Roma rilanceranno la loro provocazione nella speranza che stavolta venga colta da chi siede al governo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Numero chiuso università, non solo il caso Milano. Atenei in tilt dopo anni di tagli: senza investimenti rischiano tutti

prev
Articolo Successivo

Numero chiuso all’università, vietato arrangiarsi

next