La magistratura amministrativa è quella più connessa al potere politico. Ogni governo, di ogni colore, gode dei suoi servigi e promuove, incarta, scarta a piacimento. Nel tempo il Consiglio di Stato è divenuto quasi una discarica per sistemare le eccedenze burocratiche (da ultima la Manzione, do you remember?).

Il Tar nasce sul cavillo, e sul cavillo cresce. Ma il cavillo ha un padre che lo genera, ed è il Parlamento. Il Tar non sentenzia per decisione propria ma su ricorso e, in genere, è chiamato a far applicare una norma, molte volte un cavillo, che la legge mette a sostegno delle ragioni dei cavillosi.

Ora è vero che la scelta di Dario Franceschini di far cambiare aria nelle direzioni dei grandi musei d’arte si è rivelata felice, azzeccata. Ma è certo che il ministro delle Attività culturali avrebbe dovuto conoscere i cavilli e le norme che il Parlamento, nel quale lui abita da anni, ha prodotto forse persino per mano di un qualche amicone di partito proprio per ostruire le scelte di rinnovamento.

Cambiare i direttori e non mutare le norme che ne avrebbero messo in pericolo quel cambio significa solo una cosa: sei un ministro arruffone.

Uscirsene con lo stupore del fanciullino di Pascoli che assiste impietrito al selvaggio machete del Tar del Lazio è atto di pura, distillata demagogia. Al grand tour delle facce di bronzo siete tutti invitati. Oggi e domani, su tv e giornali, la rassegna degli scandalizzati.

Ma mi faccia il piacere!, diceva il grande Totò.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musei, bocciata la riforma-esperimento di Franceschini. E ora aspettiamoci il conto

next
Articolo Successivo

Voucher, Mdp contro il Pd: “Misura colma, noi fuori dalla maggioranza. Hanno deciso di far cadere il governo”

next