Ieri tutti i ministeri di Brasilia sono stati evacuati in seguito a gravi atti di vandalismo compiuti da alcuni manifestanti, che hanno protestato contro il governo di Michel Temer. Secondo i media locali, le sedi del ministero dell’Agricoltura e delle Finanze hanno registrato anche principi di incendio. Alcuni dimostranti, con il volto coperto, sono entrati in conflitto con la polizia, che ha risposto con gas lacrimogeni e granate stordenti. Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato – formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann – è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall’opposizione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Manchester, il “link diretto con la Libia”: dalla famiglia del kamikaze ai vertici di al Qaeda

next
Articolo Successivo

Attentato Manchester, Isis o al Qaeda? La separazione delle agende e il nocciolo comune: jihad ovunque

next