Nel merito del festival Piano City Milano, il pianista Remo Anzovino presenta il suo nuovo album e si esibisce in uno dei nuovi brani, ‘Nocturn in Tokyo‘, all’interno del Red Bull Studio Mobile. In questa intervista, che precede l’esibizione, l’artista spiega il componimento dedicato alla contemporaneità, dove una metropoli come Tokyo diventa metafora di “futuro tangibile” ma anche di “solitudine palpabile”. Anzovino è stato protagonista di un concerto alla casa di reclusione di Milano Opera, tra le iniziative del festival milanese dedicato al mondo del pianoforte

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piano City Milano, così la musica ha travolto città e hinterland con 450 eventi

prev
Articolo Successivo

Massimiliano Chiamenti, sei anni dopo Bologna ricorda il poeta punk che fece harakiri per amore

next