Rom e Sinti in piazza davanti a Montecitorio, nell’anniversario della rivolta dei Rom nel campo di concentramento di Auschwitz (16 maggio 1944). Per chiedere giustizia per Elizabeth, Angelica e Francesca, le tre sorelle rom morte bruciate vive nel rogo del camper del 10 maggio scorso nel parcheggio di un centro commerciale a Centocelle a Roma. “La situazione per noi è peggiorata, gli italiani sono sempre più razzisti. E tanta colpa è della politica”, racconta Mujesira. La presidente della Camera, Laura Boldrini, al termine dell’incontro con una delegazione guidata da Dijana Pavlovic, attrice e attivista dei diritti dei rom, definisce la questione dell’integrazione dei Rom e dei Sinti “di interesse nazionale”. “È vero che tra di noi c’è chi ruba”, racconta Fiorello Lebbiati, candidato a Lucca come consigliere comunale. “Non lo nego. Ma voglio lottare per cambiare questa situazione di discriminazione”. A Lucca, alla notizia della sua candidatura “me ne hanno dette di ogni. Ma sono sciocchezze e non mi fermeranno”. “Rubano come ruba il sottoproletariato”, dice Marco Brazzoduro, professore di statistica e presidente dell’associazione Cittadinanza e Minoranze. Il 60% dei rom in Italia “è di cittadinanza italiana“, spiegano dal presidio. “Ma ce lo dimentichiamo”. “E per legge vivono in quelli che sono dei veri e propri campi di concentramento, con i container che stanno marcendo e i topi”, chiosa Brazzoduro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, in stazione Centrale concerto e torneo di calcetto con i migranti: “La nostra risposta al blitz del 2 maggio”

next
Articolo Successivo

Tunisia chiama Italia: ‘Ter-re – Dal territorio al reddito’, un progetto di sostenibilità e inclusione

next