Rom e Sinti in piazza davanti a Montecitorio, nell’anniversario della rivolta dei Rom nel campo di concentramento di Auschwitz (16 maggio 1944). Per chiedere giustizia per Elizabeth, Angelica e Francesca, le tre sorelle rom morte bruciate vive nel rogo del camper del 10 maggio scorso nel parcheggio di un centro commerciale a Centocelle a Roma. “La situazione per noi è peggiorata, gli italiani sono sempre più razzisti. E tanta colpa è della politica”, racconta Mujesira. La presidente della Camera, Laura Boldrini, al termine dell’incontro con una delegazione guidata da Dijana Pavlovic, attrice e attivista dei diritti dei rom, definisce la questione dell’integrazione dei Rom e dei Sinti “di interesse nazionale”. “È vero che tra di noi c’è chi ruba”, racconta Fiorello Lebbiati, candidato a Lucca come consigliere comunale. “Non lo nego. Ma voglio lottare per cambiare questa situazione di discriminazione”. A Lucca, alla notizia della sua candidatura “me ne hanno dette di ogni. Ma sono sciocchezze e non mi fermeranno”. “Rubano come ruba il sottoproletariato”, dice Marco Brazzoduro, professore di statistica e presidente dell’associazione Cittadinanza e Minoranze. Il 60% dei rom in Italia “è di cittadinanza italiana“, spiegano dal presidio. “Ma ce lo dimentichiamo”. “E per legge vivono in quelli che sono dei veri e propri campi di concentramento, con i container che stanno marcendo e i topi”, chiosa Brazzoduro.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, in stazione Centrale concerto e torneo di calcetto con i migranti: “La nostra risposta al blitz del 2 maggio”

prev
Articolo Successivo

Tunisia chiama Italia: ‘Ter-re – Dal territorio al reddito’, un progetto di sostenibilità e inclusione

next