Ingresso all’Eliseo low budget: in tempi di critiche alle spese della politica, la nuova première dame di Francia vuole dare un messaggio preciso, a partire dalla scelta dell’abito. Il tailleur celeste polvere indossato da Brigitte Macron alla cerimonia di insediamento del marito Emmanuel, infatti, è un prestito dalla maison francese Louis Vuitton, che lo ha fatto disegnare allo stilista Nicolas Ghesquiere appositamente per l’occasione. Il nuovo presidente della Repubblica, invece, indossava un abito scuro di una boutique parigina, Jonas et Cie, costato 450 euro: lo ha riferito l’ufficio comunicazione del presidente. 

Brigitte è arrivata da sola pochi minuti prima del marito, accolta dalla moglie del segretario generale dell’Eliseo, Jean-Paul Jouyet. Visto che il presidente uscente non è accompagnato, anche il uccessore ha percorso il tappeto rosso senza la moglie al braccio.

All’Eliseo era presente tutta la famiglia di Brigitte: i tre figli di lei, Laurence e Sebastie e Tiphaine, accompagnata dal marito Tiphanie Auziere, avvocato e mamma di due bambini, ha contribuito molto alla campagna del leader di En Marche!. Che è “nonno” di 7 nipoti acquisiti, figli dei figli di Brigitte. La coppia aveva sollevato la curiosità dei media per la grande differenza d’età: lui 39 anni, lei 64. Una storia che dura da oltre 20 anni, tra l’ex studente di una scuola privata di Amiens e la sua professoressa del liceo, che si è conclusa con un matrimonio nel 2007.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I Cugini di Campagna a Lady Gaga: “Smettila di indossare abiti identici ai nostri”

next
Articolo Successivo

Eurovision Song Contest 2017, fa irruzione sul palco e mostra il lato B. Ora rischia fino a cinque anni di carcere

next