Infiltrazioni da parte della criminalità organizzata. Con questa motivazione il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Canolo, neanche 800 anime in provincia di Reggio Calabria. La giunta comunale è guidata dal sindaco Rosita Femia, espressione di una lista civica. Lo scioglimento è stato deliberato nella seduta pomeridiana del 5 maggio, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, a norma dell’articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267.

E’ il sesto comune sciolto dall’inizio dell’anno per le infiltrazioni della criminalità organizzata. Tre solo a gennaio: i primi a Casavatore e Crispano, in provincia di Napoli, e poi a Scafati, provincia di Salerno. A marzo era toccato a Parabita, nel leccese, dove la relazione del prefetto aveva fatto emergere gli accordi con il clan Giannelli della sacra corona unita su rifiuti, case popolari e perfino sui buoni lavoro. Il caso più recente era stato quello di Lavagna, in provincia di Genova. In questo caso le infiltrazioni della ‘ndrangheta erano state accertatate da una commissione d’accesso prefettizia inviata in Comune dopo l’inchiesta “I conti di Lavagna”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sara Di Pietrantonio strangolata e data alle fiamme: l’ex fidanzato condannato all’ergastolo

next
Articolo Successivo

Juventus, chiesta riapertura dell’indagine sul suicidio dell’ex ultras Ciccio Bucci: “Ferite non compatibili con la caduta”

next