Intervista a Aboubakar Soumahoro del Coordinamento lavoratori agricoli Usb, in piazza a Rignano per festeggiare il Primo Maggio  Il sindacalista parla dalla repressione contro la manifestazione degli agricoltori del 23 marzo 1950. La memoria storica per ribadire la necessità di “lavoro e dignità per i braccianti di oggi”. L’indomani dell’uccisione di un lavoratore a Parma il 22 marzo 1950, a San Severo, comune attiguo a quello di Rignano Garganico, venne indetto uno sciopero. Ma all’iniziativa seguì una violenta repressione, con morti e 184 arresti, donne comprese. Alla fine dovette intervenire l’esercito. L’episodio si inserisce nel generale clima di rivolta contro il latifondo che, nonostante l’epilogo del conflitto mondiale, non accennava a voler garantire migliori condizioni ai lavoratori agricoli. A settant’anni da quei fatti, la memoria è quella di un lavoratore africano che chiede al governatore Michele Emiliano di ricevere i rappresentanti dei braccianti: “Da un mese facciamo richiesta, ma non abbiamo ricevuto risposta”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Croce Rossa Cantù, volontari anonimi: ‘Turni da più di 12 ore’. Presidente: ‘Falso. E non considero denunce non firmate’

next
Articolo Successivo

Primo maggio, si festeggia il lavoro o la nuova schiavitù?

next