Torna sul luogo del misfatto Adriàn Pino Olivera, il 29enne spagnolo che venerdì si è tuffato nella Fontana di Trevi e una volta in acqua si è sfilato il saio rimanendo nudo. Proprio di fronte a uno dei simboli più noti della Capitale, spiega nella sua lingua il perché del gesto. “Non pagherò la multa, era un atto di bellezza i soldi non fanno parte della mia filosofia. Non mi sono tuffato perché sono un vandalo: ho reso omaggio a questo monumento e a Roma che è la madre della cultura occidentale. Non ci vuole tanto a capire che se un ragazzo entra nudo in acqua non può essere un atto di violenza”. Dopo gli Uffizi, Louvre e la Fontana di Trevi non sa quale sarà il prossimo “nudo”. “E’ un segreto” – afferma sorridendo, questa volta in italiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michele Scarponi, i funerali celebrati davanti a 5mila persone

prev
Articolo Successivo

“Coco Chanel patriota europea”, polemiche per il cartello del Pd nel corteo del 25 aprile: “Era una spia nazista”

next