Torna sul luogo del misfatto Adriàn Pino Olivera, il 29enne spagnolo che venerdì si è tuffato nella Fontana di Trevi e una volta in acqua si è sfilato il saio rimanendo nudo. Proprio di fronte a uno dei simboli più noti della Capitale, spiega nella sua lingua il perché del gesto. “Non pagherò la multa, era un atto di bellezza i soldi non fanno parte della mia filosofia. Non mi sono tuffato perché sono un vandalo: ho reso omaggio a questo monumento e a Roma che è la madre della cultura occidentale. Non ci vuole tanto a capire che se un ragazzo entra nudo in acqua non può essere un atto di violenza”. Dopo gli Uffizi, Louvre e la Fontana di Trevi non sa quale sarà il prossimo “nudo”. “E’ un segreto” – afferma sorridendo, questa volta in italiano.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michele Scarponi, i funerali celebrati davanti a 5mila persone

next
Articolo Successivo

“Coco Chanel patriota europea”, polemiche per il cartello del Pd nel corteo del 25 aprile: “Era una spia nazista”

next