Destra e Sinistra in Francia sono morte”. Non ha dubbi Marcelle Padovani, giornalista e scrittrice francese, esperta della vita politica italiana e d’oltralpe. All’indomani del primo turno del voto presidenziale, l’abbiamo incontrata nella sua casa, nel cuore di Roma, dove segue le vicissitudini politiche del suo Paese. “Temevo un riflesso di paura, che la gente non andasse a votare, invece quasi l’80% c’è andata, questo vuol dire che il terrorismo ha suscitato un grande sangue freddo nei francesi”. Se questa è la cosa positiva, “la cosa negativissima è stata la spettacolarizzazione, il gusto della polemica: sembrava una campagna elettorale italiana”, ammette ridendo. Dalla crisi dei partiti, ai timori per Le Pen e Macron, che appaiono “quasi caricaturali, dagli scivolamenti incontrollabili”. Ma questo non è l’unico timore. “La paura per Le Pen è sottovalutata: è pericolosissima”. “Chi le somiglia di più in Italia? Più che Salvini è Grillo il ‘fratello’ italiano”, anche per la “furbizia“, conclude.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

25 aprile, la vera liberazione sarebbe uscire dalla Nato

prev
Articolo Successivo

Mosul, donne partoriscono tra le macerie. E con la cacciata dell’Isis cade il “divieto” dei giocattoli

next