Non è un mistero che da qualche tempo l’industria dell’auto abbia “puntato la barra” verso il prolifico mercato cinese, primo al mondo per volumi di vendita e in futuro anche per redditività. Si stanno allontanando velocemente i tempi delle auto fotocopia – che diventano lattine durante i crash-test – prodotte da aziende cinesi per automobilisti cinesi: oggi questi ultimi pretendono giustamente vetture dal design elaborato, tecnologia di ultima generazione e sicurezza senza compromessi. Esattamente quello che cercano gli utenti occidentali. Una metamorfosi dimostrata anche dall’ultima edizione del Motor Show di Shanghai, “in onda” proprio in questi giorni: la presenza dei costruttori europei ed americani è totale, con un numero di prototipi, prodotti ed intenti che fino a qualche anno fa erano riservati ai classici appuntamenti dei Saloni di Ginevra, Francoforte o Parigi. Ecco una piccola rassegna in ordine alfabetico delle auto da non perdere alla kermesse cinese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ford Responder Hybrid, ecco la nuova ibrida della polizia americana – FOTO

prev
Articolo Successivo

Formula E, Roma dice si alle monoposto elettriche. Sarà l’unica tappa italiana

next