“In tv? Non piace nulla”. Fu una critica senza sconti quella che Gianni Boncompagni, autore e regista tv scomparso a 84 anni, fece dal palco della festa del Fatto Quotidiano della Versiliana, nel 2012. Seduti accanto a lui altri big del piccolo schermo: Carlo Freccero, Raffaella Carrà, Michele Santoro ed Enrico Mentana. “Guardo solo i programmi politici, soprattutto su La7. Quelli delle trasmissioni con i plastici invece li manderei a Guantanamo. In fondo non si sta tanto male” disse con ironia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amici 2017, ecco perché è inutile guardare la puntata in onda sabato sera (ancora con Morgan)

next
Articolo Successivo

Gianni Boncompagni morto, il provocatore bastiancontrario che ha costruito miti e leggende dello spettacolo

next