Che a quelli della Smart la fantasia non manchi se n’è avuta prova nel corso degli anni, con tutti i prototipi “singolari” che il marchio di proprietà Daimler ha tirato fuori. L’ultimo dei quali viaggiava lungo i binari di una ferrovia, ad esempio. Ora gli ingegneri tedeschi hanno ritirato fuori un grande classico: l’auto anfibia, che nella fattispecie hanno ribattezzato Forsea. Di lavoro dietro ce n’è parecchio, visto che è stata adottata una tecnologia che permette di inclinare le ruote di 35° assecondando le linee dello scafo e il motore da 90 Cv è stato integrato da un idrogetto collegato ad una presa di forza sul differenziale posteriore. Il cui bloccaggio è gestito da una centralina che assicura così il passaggio di trazione tra le ruote posteriori e l’idrogetto. Questa water car si governa tranquillamente con il volante ed è agile quasi quanto una fortwo “normale” in mezzo al traffico: la velocità di crociera è 10 nodi, ma può arrivare fino a 15, con un’autonomia di navigazione di 3 ore. La prossima estate, nel suo varo inaugurale, la Foresea collegherà Messina con Villa San Giovanni, confermando l’importanza per il marchio tedesco del mercato italiano. Ok, abbiamo scherzato. E’ un Pesce d’Aprile

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Due Volkswagen Up! elettriche per la Gendarmeria del Vaticano

next
Articolo Successivo

McLaren, il pesce d’aprile è una supercar-corvo – FOTO

next