Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis e madre dei suoi tre figli, è molto attiva su Instagram, dove posta foto che raccontano quella che lei stessa definisce la vita di una donna “fortunata”. E le critiche, soprattutto dopo la pubblicazione di un video dove affermava di non poter vivere con 30 euro per una settimana, sono piovute a centinaia.

In molti l’hanno infatti ‘accusata’ di ostentare la sua ricchezza e lei, sulle pagine del Corriere della Sera, intervistata da Massimo Franco, risponde così: “Non mi piacciono quelli che fanno i politically correct tanto per farlo. O ci vivi davvero così, oppure fai solo finta, è solo una messinscena per sembrare quello che non sei”.

E a chi l’ha duramente criticata per uno scatto che la ritraeva in procinto di partire con un aereo privato risponde: “Tutti hanno piacere a mostrare le cose belle. Sono sicura che sui profili social di chi mi ha attaccato troverei foto in cui a loro volta ostentano qualcosa: una borsa, un paio di scarpe, una cena al ristorante. Ho il privilegio di fare una vita più comoda e la mia vita è anche questa. Se facessi vedere solo che cucino o vado a far la spesa sarei molto più falsa”. L’intervista è anche un’occasione per raccontare del rapporto con suo marito, nato quando lei lavorava a Tira e Molla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Politecnico di Torino, la locandina col sesso orale diventa un caso

prev
Articolo Successivo

Rocco Siffredi a La Zanzara, tra sesso anale e Parliamone Sabato: “Le donne dell’est sono più libere. Durante il comunismo, almeno potevano s******”

next