“Cado dalle nubi è nato da Troisi”
“Quando abbiamo iniziato a scrivere Cado dalle nubi con Luca Medici (Checco Zalone ndr) siamo partiti da Ricomincio da tre di Troisi. Massimo andava a Firenze e accettava la paternità, diceva in buona sostanza ‘mi tengo la paternità solo perché ti amo e non dico nulla’. Noi però volevamo sapere di più, perché quella non era a nostro avviso civilizzazione ma colonizzazione a cui non vogliamo pagare dazio. Così è nata l’idea di fare il contrario: il meridionale che va su e civilizza quelli del Nord e non paga dazio a questo passaggio. Purtroppo in questo migrare ci siamo lasciati a casa la cultura popolare e qualcuno ci ha fatto credere che la cultura metropolitana sia meglio di quella contadina: ma manco per il cavolo. In Cado dalle nubi Checco sale e trova il leghista interpretato da Ivano Marescotti, ma è il leghista ad andare in difficoltà”. “Sono cresciuto con Roland Barthes e per questo volevamo raggiungere il grado zero delle cose – ha continuato Nunziante – il compito di un rivoluzionario è fare spazio. Non devi colonizzare i luoghi e dire la propria, ma come diceva Gaber devi ‘buttare un’opinione e poi sparire’ ”.

“Non fare la morale allo spettatore”
“Un film non deve dire troppa roba”, ha spiegato Nunziante. “Un grande pittore è quello che crea un’opera d’arte quando cancella l’idea che gli ha fatto partorire il quadro. Se io riconosco l’idea mi scoccio, perché sembra che chi crea mi stia facendo la morale. Qualcosa tipo ‘adesso ti erudisco io’; ma tu devi essere più leggero possibile. (…) Edgar Morin incolpa la scuola di analisi di aver estrapolato l’anima dai soggetti e aver reso tutto materia di studio. La differenza la farà il vostro pensare, e non il vergognarvi della vostra vita. Quando qualcuno mi diceva prima di Quo Vado?ma voi uscite assieme a Star wars…’, e io rispondevo ‘ma a me che me ne fotte’, ognuno di noi ha un racconto che non è secondo a nessuno e che non è meno interessante di Pulp Fiction di Tarantino”.

INDIETRO

Gennaro Nunziante, lezioni di cinema del regista di Checco Zalone: “Gomorra? Spiace che il mio paese venga raccontato solo e sempre così”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili