Nella Capitale, città simbolo della storia e della cultura, il Museo della Civiltà Romana, il Planetario ed il museo Astronomico sono chiusi da oltre tre anni per dei lavori di messa in sicurezza che non sono mai cominciati. “Il paradosso – spiega Federico Siracusa, ex consigliere municipale del Comune di Roma – è che gli interventi da effettuare interessano solamente il museo della Civiltà Romana ma nel 2014 il sovrintendente capitolino per accelerare i lavori ha disposto la chiusura anche degli altri due musei”.

Una decisione, quella del sovrintendente che ha il sapore della beffa visto che i lavori non sono neanche partiti. “Già nel 2001 – sottolinea Eleonora Guadagno, presidente della commissione Cultura di Roma Capitale – erano stati stanziati 30 miliardi di vecchie lire per i lavori. Non è ben chiaro cosa sia successo, la documentazione è incompleta, sta di fatto che, a seguito anche di ricorsi da parte di alcune ditte escluse, siamo giunti a questa situazione vergognosa”.

E oltre alla chiusura, da più di tre anni, di musei che rappresentano circa il 10% della bigliettazione complessiva dei musei capitolini, c’è il problema di come i reperti vengono conservati in questa fase di stallo: “Abbiamo fatto un sopralluogo lo scorso 20 febbraio – prosegue la presidente – e siamo rimasti sconcertati per le condizioni in cui si trovavano”. E, dati alla mano “perdiamo una grossa offerta non solo di tipo turistico – sottolinea la Guadagno – ma anche educativo perché questi musei erano spesso visitati dai ragazzi delle scuole”. Una situazione paradossale che dovrebbe essere ad una svolta visto che “presumibilmente – conclude la presidente – entro maggio si avvieranno finalmente i lavori”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Donna cade dal sesto piano, ma un pompiere la afferra al volo. Le immagini sono da brividi

prev
Articolo Successivo

Liguria, tir travolge un cantiere su autostrada: due morti e nove feriti. Camionista arrestato per omicidio colposo

next