La curiosità di vedere Gigi D’Alessio a condurre un programma consolidato come Made in Sud era tanta. Non per la trasmissione in sé, perché quella era e quella è rimasta (una trascurabile passerella di comici mediocri), ma proprio per l’arrivo del cantante napoletano sul palco che fu di Gigi & Ross (che dopo Sbandati condurranno il redivivo Furore).

A dar retta ai dati Auditel, l’esordio non è stato memorabile: 1.554.000 spettatori, share del 7%, due punti sotto la media della scorsa stagione e quasi tre rispetto alla prima puntata del 2016. Dare troppe responsabilità a D’Alessio (in un periodo evidentemente non fortunatissimo) sarebbe però ingiusto. Certo, Gigi & Ross sono due comici e quantomeno sapevano gestire i tempi di quelle che dovrebbero essere battute esilaranti (e non lo sono mai). D’Alessio a parte (che come conduttore per il momento è rimandato, anche perché canta assai e presenta poco), forse Made in Sud mostra finalmente la corda e una stanchezza persino tardiva.

E pensare che il programma è sbarcato in prima serata a colpi di ottimi risultati di share, nonostante proponga una comicità banalotta, di livello basso e per nulla coraggiosa. Ma lo zoccolo duro del pubblico resiste (ovviamente in gran parte al sud), proprio perché Made in Sud parla alla pancia di un pubblico che esiste e vuole esattamente quello. Il 7% di share della prima puntata dell’edizione 2017, però, forse rappresenta un primo campanello d’allarme. I programmi comici in tv non funzionano più (vedi Zelig) e altrove, nel mondo, si impone sempre più una comicità decisamente più corrosiva, politicamente scorretta, anche su canali generalisti e mainstream. In Italia, evidentemente, siamo ancora molto indietro e dobbiamo accontentarci di Made in Sud.

E fino a quando i numeri davano ragione al programma, da quelle parti potevano comprensibilmente rispondere alle critiche numeri alla mano. La prima puntata di mercoledì sera forse racconta un’inversione di tendenza. Ma è ancora presto per dirlo (e per gioire, nel caso). I dati Auditel parlano di un 26% di share in Campania (ovviamente) e dello zero virgola in alcune regioni del Nord. Una tendenza facilmente prevedibile, ma forse è troppo, perché la comicità meridionale in tv c’è sempre stata ma è riuscita a parlare a tutta l’Italia. Made in Sud no: se la suona e se la canta da solo. E ieri sera si è toccato il fondo con un banalissimo monologo di D’Alessio sulla napoletanità, sul caffè, su Maradona, su Eduardo e Totò, sul mare, il sole e la pizza. Avanguardia pura.

Siamo proprio sicuri che RaiDue abbia bisogno di questo prodotto mediocre e troppo “locale”? Se almeno si ridesse di gusto, potremmo anche perdonare tutti i difetti enormi del programma. Ma perché dovremmo guardare una trasmissione comica che non fa ridere?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isola dei Famosi 2017, la rediviva love story tra Raz Degan e Paola Barale salva il programma dalla gazzarra

next
Articolo Successivo

Radio, “105 è l’emittente più ascoltata d’Italia”. Piersilvio rivendica la sua scommessa vincente

next