Che Fedez fosse facile alla commozione lo avevamo già scoperto grazie a X Factor. Ma che potesse scoppiare in un pianto a dirotto, con tanto di espressioni assai comiche che stanno già diventando meme virali sui social, non potevamo proprio immaginarlo.

Il “merito” è del suo socio J Ax che, in collaborazione con le Iene, ha organizzato uno scherzo crudele al rapper di Buccinasco. La storia, in sintesi, è la seguente: l’avvocato di Fedez, complice anche lui, lo ha chiamato al telefonato durante le prove della data zero del tour a Vigevano per avvisarlo di un preoccupante provvedimento della magistratura, che ha bloccato metà dei biglietti venduti per le date di Milano, Torino e Roma per un sospetto caso di secondary ticketing. In pratica, secondo l’ipotesi accusatoria, il manager del tour Clemente Zard avrebbe venduto 4mila biglietti a data ai bagarini online, che tante polemiche hanno provocato negli ultimi tempi nel mondo della musica, intascando un bel gruzzolo.

Mentre Zard è a Parigi e non risponde alle insistenti chiamate e J Ax tiene il gioco con perfida convinzione, arriva al palazzetto di Vigevano anche la iena Matteo Viviani, che mostra a Fedez alcuni documenti che incastrerebbero Zard ma coinvolgerebbero anche lui nella vicenda: i biglietti, infatti, sarebbero stati venduti “con il consenso dell’artista”.

Il rapper è distrutto e trattiene le lacrime solo perché ha una telecamera puntata in faccia. Quando Viviani svela lo scherzo, però, Fedez crolla e comincia a piangere senza sosta, mentre lo stesso Viviani, J Ax e l’ufficio stampa Francesca Casarino cercano di consolarlo e rassicurarlo. Una scena crudele e epica, che già sta facendo il giro dei social network. Un tiro mancino che è andato a stuzzicare Fedez proprio su uno degli argomenti a cui è più sensibile, visto che più volte negli ultimi mesi si è schierato pubblicamente contro la diffusa e odiosa pratica del secondary ticketing.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emigratis, il ritorno di Pio e Amedeo è un successo: i due comici foggiani arrivano a Budapest, alla corte di Rocco Siffredi

next
Articolo Successivo

Presa Diretta, sterilità in aumento e pene più corto: è la “femminilizzazione del maschio”?

next