Richard Gere in Israele oggi per la premiere del suo ultimo film “Norman“, diretto dal regista israelo-statunitense Joseph Cedar, intervistato dal quotidiano locale Yediot Ahronot ha detto che “l’occupazione israeliana dei Territori palestinesi deve terminare”. L’attore e sostenitore dei diritti civili, nato a Filadelfia 67 anni fa, ha aggiunto che “l’occupazione distrugge tutti, da tutte le parti. Uno stato bi-nazionale non risolverebbe niente, porterebbe Israele all’apartheid. Occorrono due Stati per i due popoli e Gerusalemme dovrebbe fungere da capitale per entrambi”.

Secondo Yediot Ahronot la visita di Gere rischia di suscitare proteste anche perché l’attore definisce come “provocazioni” gli insediamenti ebraici nei territori e si accingere ad incontrare attivisti del gruppo radicale Breaking the silence che documentano infrazioni dei diritti civili a danno dei palestinesi. Nell’intervista – che sarà pubblicata per esteso venerdì 10 marzo – Gere non lesina critiche anche al presidente Usa Donald Trump che “con il suo comportamento elettorale è parso autorizzare gli americani a dare libero sfogo ai loro sentimenti di odio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

John Lennon, all’asta la copia di Double Fantasy che autografò al suo killer prima di morire

prev
Articolo Successivo

Berlusconi al Mc Donald’s, dopo la foto parte l’ironia sulle sorti del Milan: “Quando i cinesi non pagano…”

next