“Sono un immigrato, vengo dall’Italia e lavoro in giro per il mondo. Questo (premio) è per tutti gli immigrati”. Alessandro Bertolazzi, premio Oscar insieme a Giorgio Gregorini e Christopher Nelson per il trucco di Suicide Squad, dopo aver ringraziato l’Academy e la famiglia, conclude il suo discorso con questa dedica. “Grazie, voglio parlare, devo parlare ho aspettato per 50 anni e forse di più”, ha dichiarato il Bertolazzi sul palco, rendendo omaggio anche alla moglie Giovanna che lo ha sostenuto “per tutta la vita”.

Ma lo speech di Bertolazzi non è piaciuto per niente al segretario della Lega, Matteo Salvini. “Premio Oscar per il miglior trucco a tre persone fra cui l’italiano Alessandro Bertolazzi: ‘Questo premio è per tutti gli immigratì. E ti pareva… Ipocrisia al potere! I nove milioni di italiani a rischio povertà ringraziano. P.s. A Hollywood (e in Italia) è facile – scrive su Facebook – fare i buonisti col portafoglio pieno“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Intersessualità, perché l’Italia è così indietro sulle questioni di genere?

next
Articolo Successivo

Oscar 2017, busta con errore per il miglior film. La PwC: “Ci scusiamo con tutti”. Aperta un’indagine

next