Le modifiche all’articolo 18 introdotte con la legge Fornero e con il Jobs act non si applicano ai 3,4 milioni di dipendenti statali. Lo sancisce il nuovo Testo unico sul pubblico impiego, approvato in via preliminare giovedì dal consiglio dei ministri. In questo modo il governo Gentiloni mette per iscritto quello che il ministro Marianna Madia ha sempre sostenuto: i dipendenti pubblici licenziati in modo illegittimo hanno diritto ad essere reintegrati nel posto di lavoro e non devono accontentarsi di un risarcimento come quelli privati. Su un aspetto però la disciplina viene allineata a quella in vigore per tutto il resto dei dipendenti: l’indennità concessa dal giudice per il trattamento ingiusto non potrà superare le 24 mensilità di stipendio.

Questo intervento legislativo chiude la discussione, anche se la Cassazione sul tema si è espressa in maniera contraddittoria: nel novembre 2015 i giudici hanno sancito che lo Statuto dei lavoratori, così come riformato dalla Fornero, si applicava anche al pubblico impiego contrattualizzato, cioè ai dipendenti statali e locali esclusi professori, magistrati e militari. Poi, la scorsa estate, un’altra Sezione ha sentenziato al contrario che l’abolizione della tutela reale non riguardava gli statali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Voucher lavoro, Cgil diffonde la classifica delle aziende che li usano di più: da Best Union a GameStop a McDonald’s

prev
Articolo Successivo

Lavoro di cittadinanza, l’idea era di Vendola. Renzi la ricicla per rimediare al pasticcio dei centri per l’impiego

next