Il momento Crozza, come durante la prima puntata, è arrivato attorno alle 22.10. E si parte col botto, con l’imitazione del presidente Mattarella che si congratula con Conti e De Filippi : “Questa mattina ho sciolto le camere. Gentiloni non l’ho avvertito, ma lui è uno di buon carattere. Se lo metti a governare, governa. Se lo metti alle finestre, fa i vetri. Vi affido il compito di formare il nuovo governo. Per i ministri, fate come volete: Mannoia, Masini. Tanto al posto di Padoan farebbero bene comunque, anche Clementino, anche se non so chi minchia sia. Consiglio solo di mettere Al Bano al posto di Alfano agli Esteri. Cambierebbe una consonante ma si raddoppierebbe l’efficacia dell’inglese”.

Via la parrucca quirinalizia e torna Crozza nelle vesti di Crozza. E giù a menare su tutti: dai conduttori (“Ieri sera metà Italia vi ha guardati, l’altra metà si è divertita”), Totti (“Er Pupone? Ha 40 anni e lo chiamiamo ancora Pupone?”), la bassa natalità (“Italiani, poggiate il telecomando, avvicinatevi al partner e trombate! Fate figli!”). La parte sulla natalità si è allungata assai: “Viviamo in un paese in cui ci sono più sushi bar che asili nido. In cui una donna assunta al nono mese di gravidanza va in prima pagina come se Trump avesse limonato un messicano. Le donne lavorano di più e vengono pagate di meno. Spegnete le luci e fate figli”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2017, le pagelle di Michele Monina: la canzone più onesta? Quella di Gigi D’Alessio. Robbie Williams una (vera) popstar

prev
Articolo Successivo

Festival Sanremo 2017, Maldestro: “C’è una Scampia per bene”

next