Uccide la compagna e si toglie la vita. E’ successo nella notte tra il 26 e 27 gennaio in un’abitazione della periferia di Parma. Secondo le prime indagini quanto accaduto è un omicidio-suicidio. Le due persone trovate morte sono state identificate: si tratta di Arianna Rivara, 43 anni, e Paolo Cocconi, 51 anni, entrambi parmensi. L’assassinio della donna, che due mesi fa aveva pubblicato sul suo profilo Facebook un post a sostegno della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne,  sarebbe avvenuto intorno alla mezzanotte di ieri.

arianna-rivara-no-violenza-sulle-donne

Nell’appartamento, che si trova in una palazzina al civico 6 di via Gibertini, nel quartiere San Lazzaro, sono intervenuti i carabinieri. I militari sono stati allertati dai vicini di casa di Cocconi che hanno sentito rumori e grida. Questa mattina gli inquirenti hanno completato i rilievi con l’ausilio della polizia scientifica. L’appartamento è stato posto sotto sequestro, mentre proseguono le indagini soprattutto per definire modalità e cause della vicenda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isabella Noventa, l’ex marito: “Molti particolari dell’omicidio fanno pensare che ci sia la mano della Mala del Brenta”

next
Articolo Successivo

Carlo Lissi rinuncia all’appello per il massacro di Motta Visconti: “Ritengo congruo l’ergastolo inflittomi”

next