Uccide la compagna e si toglie la vita. E’ successo nella notte tra il 26 e 27 gennaio in un’abitazione della periferia di Parma. Secondo le prime indagini quanto accaduto è un omicidio-suicidio. Le due persone trovate morte sono state identificate: si tratta di Arianna Rivara, 43 anni, e Paolo Cocconi, 51 anni, entrambi parmensi. L’assassinio della donna, che due mesi fa aveva pubblicato sul suo profilo Facebook un post a sostegno della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne,  sarebbe avvenuto intorno alla mezzanotte di ieri.

arianna-rivara-no-violenza-sulle-donne

Nell’appartamento, che si trova in una palazzina al civico 6 di via Gibertini, nel quartiere San Lazzaro, sono intervenuti i carabinieri. I militari sono stati allertati dai vicini di casa di Cocconi che hanno sentito rumori e grida. Questa mattina gli inquirenti hanno completato i rilievi con l’ausilio della polizia scientifica. L’appartamento è stato posto sotto sequestro, mentre proseguono le indagini soprattutto per definire modalità e cause della vicenda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isabella Noventa, l’ex marito: “Molti particolari dell’omicidio fanno pensare che ci sia la mano della Mala del Brenta”

next
Articolo Successivo

Carlo Lissi rinuncia all’appello per il massacro di Motta Visconti: “Ritengo congruo l’ergastolo inflittomi”

next