Nuove proteste anti-Trump ieri sera a New York. In una di questa, organizzata fuori dal Museum of the Moving Image è stato arrestato in diretta streaming, e successivamente rilasciato, l’attore americano Shia LaBeouf. Il protagonista di Transformers avrebbe aggredito una persona che gli si è avvicinato gridando “Hitler non ha fatto nulla di sbagliato“. Ne è seguita una colluttazione in cui LaBeouf avrebbe graffiato l’uomo, venendo successivamente arrestato e poi rilasciato. Dal giorno della nomina di Donald Trump a presidente, LaBeouf ha dato vita a un’installazione permanente, che dovrebbe durare per i prossimi quattro anni, intitolata ‘He Will Not Divide Us‘ in cui una telecamera attiva 24 ore su 24 sarà a disposizione di chiunque voglia cantare la frase: “Lui non ci dividerà”. Diversi post sull’account Twitter di ‘HeWillNotDivideUs’ hanno raccontato quello che stava accadendo, con annesso video in cui si vede il livestreaming della protesta e appare la scritta “Shia è stato arrestato dalla polizia di New York a causa di questo video #HeWillNotDivideUs #FreeShia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia, “uomini di Haftar dietro fallito attentato a ambasciata italiana a Tripoli”

prev
Articolo Successivo

Muro Usa-Messico, il presidente Peña Nieto annulla incontro con Trump: ‘Pretendiamo rispetto. E non pagheremo’

next