“I rimpatri e gli accordi bilaterali sui migranti? Non è questa la strada che può risolvere il problema”. A margine del convegno “Come vincere la sfida dell’immigrazione“, organizzato dai Radicali in Senato, è l’ex ministro degli Esteri Emma Bonino a rivendicare la necessità di “superare la logica della Bossi-Fini“. “Gli accordi? Oggi ne abbiamo quattro e una cooperazione giudiziaria molto discussa con il Sudan. Ma, per esempio, il rimpatrio di 29 tunisini a maggio ha implicato una gara d’appalto per trovare un charter, 71 poliziotti, un medico, un assistente sociale e un interprete. Abbiamo 500mila irregolari, fatevi i conti, non può essere questa la soluzione”, ha sottolineato ai microfoni de Ilfattoquotidiano.it. “La possibilità di un accordo con la Libia? A parte il mancato rispetto dei diritti dei migranti in Libia, vorrei capire con chi il nostro governo voglia fare questo accordo, dato che non c’è un esecutivo riconosciuto”, ha concluso la storica leader radicale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, Raggi presenta progetto sulla memoria: “Dovere di ricordare affinché non ricapiti in futuro”

next
Articolo Successivo

Centrosinistra, Romano Prodi: “L’Ulivo? Non è un’esperienza irripetibile”

next