Dopo l’auto che si guida da sola, arriverà quella volante. Che magari essa stessa sarà in grado di auto-guidarsi nei cieli. Non è fantascienza, dal momento che ad affermarlo è l’amministratore delegato del colosso aeronautico Airbus, Tom Enders, che durante una conferenza a Monaco ha annunciato la presentazione di un prototipo monoposto entro la fine del 2017.

L’anno scorso Airbus ha infatti istituito, all’uopo, una divisione chiamata Urban Air Mobility, incaricata di mettere a punto una macchina con decollo e atterraggio verticali, da uno o più posti. Obiettivo dichiarato, quello di entrare da protagonista nel business futuro dei taxi volanti elettrici.
Un pò quello che sta provando a fare Uber, intenta a sviluppare il servizio di trasporto “Elevate” annunciato tempo fa. A cui sono seguiti anche gli esperimenti di Nasa e Pentagono.

Il concetto proposto da Airbus è quello di rendere disponibile la prenotazione del passaggio (letteralmente “al volo”, in questo caso) via app tramite il proprio smartphone. Che, immaginiamo, sarà anche in grado di effettuare il pagamento.

Tra le varie opzioni di Airbus c’è attualmente un concept chiamato Vahana (nella foto), veicolo volante in grado di trasportare una persona e merci. Ma non manca anche la variante pluri-passeggeri chiamata CityAirbus, una specie di drone a eliche che inizialmente verrà affidato a un pilota ma poi utilizzerà la guida autonoma, non appena questa verrà regolamentata anche per il volo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inquinamento, a Parigi scattano i bollini antismog per le auto. Peccato che quasi nessuno li abbia

prev
Articolo Successivo

Idrogeno, è alleanza tra multinazionali su tecnologia e prodotti. Si muove qualcosa anche in Italia

next