La produzione degli stabilimenti italiani di FCA ha superato quota un milione (1.011.136 per la precisione, compresi i furgoni) nel 2016. Si tratta di un dato record, ottenuto grazie a un incremento del 9% rispetto allo scorso anno, e addirittura il 69,8% se si prendono in considerazione i numeri del 2013. Limitando la crescita alla sola produzione di auto, Ferrari incluse anche se ovviamente non si tratta di grossi volumi data l’esclusività del marchio, la crescita è dell’8,2% rispetto al 2015.

Questi sono i numeri diffusi dalla Fim Cisl, che ha anche sottolineato come la cassa integrazione lo scorso anno abbia coinvolto l’8% dei lavoratori, contro il 12,5% del 2015. Molte luci e poche ombre, dunque? “Siamo più ottimisti che preoccupati”, ha dichiarato il segretario nazionale Fernando Uliano, “anche se restano delle criticità, in particolare per Pomigliano e Melfi“.

A Pomigliano quest’anno sono state prodotte 207 mila Panda, il 16,9% in più del 2015. Ma sullo stabilimento campano c’è la spada di Damocle della mancata saturazione degli impianti, e da settembre 2018 non sarà più possibile utilizzare gli ammortizzatori sociali. “L’accordo di dicembre con l’azienda, che prevede il distacco temporaneo a Cassino di 500 lavoratori dei 1.200 oggi in solidarietà, indica il 31 marzo come data entro la quale Fca dovrà dire quale sarà la produzione aggiuntiva o i nuovi modelli, visto che servono 16-18 mesi per lanciare la nuova produzione e garantire la piena occupazione”, spiega Uliano.

A Melfi, dove si fabbricano 500X e Renegade, la produzione invece è scesa del 6,5% a causa del ridimensionamento (o, se vogliamo, dell’avvio alla pensione) della Grande Punto: le 26 mila unità in meno hanno significato cassa integrazione per 1.200 persone. “La situazione non è critica come a Pomigliano, ma servono verifiche sulle prospettive entro il 2017″. Anche qui, ci sarebbe bisogno di produrre un modello aggiuntivo.

Cassino invece pare essersi rilanciata con la produzione di Giulietta e Giulia, aumentata nel complesso del 57%, e le prospettive commerciali del nuovo suv Stelvio: “dopo 5 anni, il 28 febbraio termineranno i contratti di solidarietà“. Nessun problema, poi, nello stabilimento Sevel in Val di Sangro, dove in virtù della joint venture con i francesi di PSA si fabbricano i Ducato. Mentre a Mirafiori, pur essendo cresciuta la produzione, un lavoratore su due è in contratto di solidarietà.

Ultima questione, Maserati. Per lo stabilimento di Modena, dove si producono le GranTurismo e GranCabrio ma anche l’Alfa 4C, “era stata ventilata la chiusura ma pare che fino al 2018 sia salvo: dà lavoro a 1.350 dipendenti, di cui 120 con contratti di solidarietà”.

Per affrontare tutte le situazioni, presenti e future, sono previsti due incontri. Il primo il 19 e 20 gennaio con il responsabile di Fiat Emea Alfredo Altavilla, a cui parteciperanno anche i sindacati europei Cae, e il secondo in marzo, direttamente con l’amministratore delegato di FCA Sergio Marchionne. Il cui piano, giova ricordarlo, prevedeva l’obiettivo della piena occupazione entro il 2018.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mercato auto Italia, il 2016 si chiude col botto. Ma il futuro è ancora incerto

prev
Articolo Successivo

Donald Trump, il presidente protezionista che bacchetta Ford, Gm e Toyota

next