Non solo a Cona, dove è scoppiata la rivolta al centro d’accoglienza in seguito alla morte di una ragazza ivoriana di 25 anni. Anche a Verona, questa mattina intorno alle 9, un gruppo di migranti richiedenti asilo è sceso in strada per denunciare le presunte cattive condizioni di accoglienza nell’ostello Santa Chiara dove sono ospitati. In particolare, i manifestanti si sono lamentati della qualità del cibo che viene loro servito, che sarebbe scadente e in alcuni casi anche scaduto. La protesta – come riporta il quotidiano l’Arena – è durata alcune ore. Sono stati rovesciati alcuni cassonetti ed è stato bloccato il traffico. La polizia, intervenuta sul posto, ha deviato la circolazione, compresa quella dei mezzi pubblici, fino a quando la situazione è stata riportata alla normalità.

Sulla vicenda interviene il sindaco Flavio Tosi: “Una protesta di questo genere è inaccettabile. Ho già sentito il Prefetto Mulas col quale abbiamo condiviso la linea che gli organizzatori di questo spiacevole episodio vengano individuati quanto prima, esclusi dai progetti di protezione e allontanati dall’ostello”. “Un fatto del genere non deve più ripetersi – ha aggiunto – anche perché se qualcuno ha delle lamentele da esporre, può chiedere civilmente appuntamento con chi di dovere ed esprimere le proprie rimostranze, senza mettere sotto sopra un quartiere e bloccare il traffico cittadino. Un problema che va ad aggiungersi a quello segnalato alla Prefettura qualche giorno fa: proprio la struttura di accoglienza di cui trattasi, costringeva i migranti ad uscire e a rimanere in strada dopo le 9 di mattina, negli orari non coincidenti con colazione, pranzo e cena, nonostante il freddo e il disagio arrecato alla comunità dalla presenza di persone costrette a bighellonare per il quartiere, non potendo usufruire delle proprie stanze. Chiediamo pertanto vengano prese adeguate misure per far fronte a tutte queste situazioni inammissibili”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, “spari” al McDonald’s di piazza Duomo. Ma era il compattatore dei rifiuti

prev
Articolo Successivo

Venezia, tutte le ombre su chi gestisce il centro di Cona: Parentopoli, indagini per truffa e la cacciata da Confcoop

next