Più scontata, noiosa e qualitativamente scarsa degli ultimi anni. Con il titolo di campione d’inverno già matematicamente assegnato con una giornata d’anticipo (e una gara in meno) alla Juventus. E forse virtualmente pure quello di campione d’Italia. Con tante delusioni e poche belle sorprese. E con una Supercoppa da giocare dall’altra parte del mondo di cui non interessa quasi niente a nessuno. La Serie A va a riposo per le feste. E il bilancio di metà stagione dovrebbe essere ancor più negativo di quello che è. Ma a Natale, si sa, siamo tutti più buoni.

JUVENTUS: ha giocato spesso male, ha perso i due big-match in trasferta contro Inter e Milan, ha patito tanti infortuni anche gravi (vedi Dybala, Pjaca, Dani Alves e Bonucci). Ciononostante è prima con sette punti di vantaggio sulla seconda. O si sta risparmiando per la Champions o sta vivendo una stagione sottotono. Basta comunque per dominare in Serie A. VOTO: 8,5

GASPERINI: anarchia pallonara al potere. Oltre ogni limite, oltre ogni immaginazione. Al punto che qualcuno si era persino illuso di aver trovato nell’Atalanta di Gasperini il nuovo Leicester o almeno l’anti-Juve . I bianconeri hanno stritolato il sogno in una manciata di minuti e dopo i ragazzini di Gasp ci hanno messo un po’ a riprendersi. Chiudono comunque il 2016 a tre punti dalla zona Champions. E il merito è tutto di quell’allenatore che qualcuno dopo le prime tre giornate voleva esonerare. VOTO: 8

BELOTTI E GLI AZZURRINI: forse l’unica vera nota lieta del campionato più triste e mediocre dell’ultimo decennio. Dal nulla cosmico, sbucano i giovani italiani: non solo il “gallo” Belotti, vicecapocannoniere alle spalle di Icardi a soli 23 anni . Ma anche l’esplosione di Locatelli e Donnarumma a cui Montella ha affidato regia e porta del suo giovane Milan, la consacrazione di Bernardeschi, le speranze di Pellegrini, Benassi, Barreca. Forse piccoli e grandi club hanno finalmente capito che val la pena puntare sui nostri talenti. E non a caso qualcosa sembra muoversi anche nella nazionale di Ventura. VOTO: 8

MERTENS: il record di otto gol nelle ultime tre partite fa notizia e sensazione, ma in realtà è tutto l’anno che il belga sta giocando su altissimi livelli. Praticamente da solo sta salvando l’annata storta del Napoli dopo il grave infortunio di Milik e la definitiva delusione di Gabbiadini. VOTO: 7,5

MONTELLA: il Milan non ha una società, e in molti ruoli neppure i giocatori. Lui è riuscito a tirar su una squadra, scommettendo sui giovani e rivitalizzando bidoni conclamati. E adesso si gioca la Supercoppa, che vale nulla ma riporterebbe pur sempre i rossoneri alla vittoria cinque anni dopo l’ultimo trofeo. Praticamente un miracolo. VOTO: 7,5

ROMA: il bicchiere mezzo pieno è il secondo posto. Quello mezzo vuoto è l’ennesima stagione di aspirazione frustrata allo scudetto. I tifosi giallorossi non la bevono, Spalletti che era tornato per vincere neppure. VOTO: 6

INTER: cento milioni sperperati sul mercato (non c’è altra parola per gli acquisti di Joao Mario e Gabigol), una proprietà ambiziosa e confusionaria, un allenatore impresentabile e sacrificato sull’altare degli errori di tutti. Di recente qualche segnale di ripresa grazie al “normalizzatore” Pioli. Chissà che non sia troppo tardi. Per adesso è semplicemente insufficiente. VOTO: 5

ZAMPARINI: ha costruito una squadra da bassa Serie B e cambiato tre allenatori prima di Natale, bruciandone uno dei migliori talenti italiani come De Zerbi. In tutti questi anni la mediocrità della Serie A lo ha sempre risparmiato, stavolta sarà più difficile. E a pagare sarebbe solo il Palermo. VOTO: 4

PESCARA e CROTONE: voto 3, come le vittorie messe insieme dalle due neopromosse (sarebbero addirittura due senza quella a tavolino degli abruzzesi). Difficile capire chi sia peggio: se il Crotone, semplicemente inadeguato; o il Pescara, perduto negli errori della propria inesperienza. Il risultato non cambia e dimostra che la riforma dei campionati è un’esigenza non più rimandabile. VOTO: 3

GABIGOL: pagato in estate trenta milioni, presentato come il nuovo fenomeno del calcio mondiale, disperso nella nebbia milanese. Gioca venti minuti in tutto il campionato e quando entra nei minuti di recupero piazza tre doppi passi e una rabona in mezzo al campo, ad avversari lontani. Un idiota, un fenomeno incompreso. O solo un ragazzino che si è trovato per colpa di procuratori e dirigenti in un gioco più grande di lui, e fa tanta tenerezza. Finalmente è Natale anche per lui. VOTO: s.v.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dries Mertens, 7 gol in 7 giorni e il Napoli convince. Ma ora De Laurentiis che fa?

next
Articolo Successivo

Mediaset, il Tar annulla multa Antitrust sui diritti tv della Serie A

next