Il grande ritorno del Mattarellum, la legge del presidente
mattarella240E’ un fritto misto a prevalenza maggioritaria. Alla Camera il 75 per cento dei seggi (cioè 475) viene distribuito con collegi uninominali: cioè tanti duelli (o “trielli” o, in teoria, anche sfide a più concorrenti). Il restante 25 per cento dei seggi (155) si distribuiscono invece con un sistema proporzionale. La soglia di sbarramento è al 4 per cento: chi sta sotto la soglia, non entra in Parlamento. Quindi ogni elettore riceve due schede: una per il collegio uninominale, una per il proporzionale.

Anche al Senato la distribuzione è con il 75 per cento dei seggi (232) distribuito con il maggioritario e il 25 (83) con il proporzionale. Ma, visto che l’articolo 57 obbliga a ripartire i seggi del Senato su base regionale, esiste un meccanismo di ripescaggio dei perdenti della fetta maggioritaria (quindi con chance per i “secondi arrivati”).

Esiste anche un meccanismo – il cosiddetto scorporo – che sottrae dal conteggio dei voti totali di una lista nella quota proporzionale i voti ottenuti dai candidati di quella lista nel collegio uninominale. Un metodo per dare più rappresentanza. Naturalmente la regola è buona, ma in Italia è stata spesso usata in modo furbesco. Quindi per aggirare la quota proporzionale i partiti più grandi presentavano le cosiddette “liste civetta”, cioè liste finte alle quali venivano collegati i candidati nei collegi uninominali. Siccome insieme al danno la politica apprezza sempre anche la beffa, una delle liste collegate a Forza Italia nel 2001 fu chiamata Abolizione Scorporo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, “fare presto”? No: Pd, M5s e Forza Italia rinviano tutto a fine gennaio: “Aspettare la Consulta”

next
Articolo Successivo

Campidoglio, revisori bocciano il bilancio previsionale: “Sottostimati i debiti fuori bilancio”. Pd: “Prima volta nella storia”

next