Ci sono state le porcate, c’è stato il Mattarellum e c’è stato e ancora c’è il Tatarellum. E poi si può fare alla francese, alla spagnola, perfino alla greca. Siccome l’Italia voleva dire la sua, si è fatto un Italicum, appunto. Il maggioritario che in Italia mai e il proporzionale puro da Prima Repubblica. Ora tutto si è rovesciato. L’Italicum che piaceva a Renzi e al Pd non piace più al Pd che prima ha fatto un “accordo quadro” con Gianni Cuperlo per modificarlo e poi ripescato il Mattarellum contro il quale aveva votato nel 2013 (con Giachetti in sciopero della fame che votava solo con il M5s. Al contrario i Cinquestelle hanno sempre combattuto l’Italicum (“Va cancellata perché antidemocratica e anticostituzionale” dissero a settembre) e ora sostengono che è bene votare con quella, dopo averla corretta. Tutto questo peraltro potrebbe risultare inutile perché l’Italicum è sub iudice: a gennaio la Consulta si pronuncerà sulla presunta incostituzionalità del sistema elettorale, su impulso degli avvocati “anti Porcellum” Aldo Bozzi e Felice Besostri.

Quello che è certo è che un nuovo accordo sulla legge elettorale è una nuova traversata nel deserto, dove ogni partito vorrebbe la propria legge elettorale fatta in casa. Dal “Mattarellum ritoccato” al sistema greco (non proprio un successone), dal complicato Democratellum elaborato dal Movimento Cinque Stelle con una serie di votazioni online fino al sistema francese.

Vediamo quali sono i sistemi elettorali che potrebbero sostituire la legge entrata in vigore dopo essere stata approvata solo un anno e mezzo fa.

TUTTE LE IPOTESI – CONTINUA

Italicum, dal Mattarellum 2.0 al francese: quali sono le alternative alla legge elettorale che ora nessuno vuole più

AVANTI

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, “fare presto”? No: Pd, M5s e Forza Italia rinviano tutto a fine gennaio: “Aspettare la Consulta”

next
Articolo Successivo

Campidoglio, revisori bocciano il bilancio previsionale: “Sottostimati i debiti fuori bilancio”. Pd: “Prima volta nella storia”

next