I fatti: nel curriculum (ora rimosso) pubblicato sul sito internet di Valeria Fedeli, è scritto – seconda riga – che la neo ministra all’Università è laureata. “Non è vero”, dicono i suoi più stretti collaboratori (la dichiarazione è stata registrata da chi scrive), “ha frequentato una scuola professionale per assistenti sociali. Quello che oggi è un diploma di laurea, non una laurea. Ma allora non era assolutamente una laurea”.

 

 

cv_corretto_ok

Insomma: il ministro dell’Università non è laureato. Ma soprattutto: quello che è scritto sul suo sito non è vero (nella foto il curriculum prima di essere rimosso dalla pagina web).

La versione di Fedeli: mi attaccano per le mie posizioni sul gender.

No, caro ministro, la critichiamo perché sul suo curriculum è riportata una cosa che, a detta dei suoi stessi collaboratori, è falsa.
In qualsiasi impresa o ufficio pubblico chi scrive cose false sul proprio curriculum viene punito.
In qualsiasi paese del mondo un ministro che dichiara cose false si dimette. Soprattutto se è ministro dell’Università e parliamo di laurea.
Che cosa ne dice?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miur, mistero sulla laurea di Valeria Fedeli. Adinolfi: “Il ministro mente, ha solo il diploma”

next
Articolo Successivo

Valeria Fedeli, ministra dell’Istruzione corregge il titolo di studio: da “diploma di laurea” a “diploma”

next