“Al di là delle possibile polemiche che avevamo messo in conto abbiamo ricevuto vere e proprie minacce che non ci permettono di far svolgere serenamente il concerto e garantire la sicurezza per il pubblico”. E così il concerto di Bello Figo del 23 dicembre è stato annullato. Ad annunciarlo sono gli stessi organizzatori della Latteria Molloy di Brescia, il locale dove era prevista la data del cantante, che alcuni giorni fa è stato protagonista di un diverbio con l’europarlamentare Alessandra Mussolini durante la trasmissione di Maurizio Belpietro “Dalla vostra parte”.

Bello FiGo è un ragazzo di origine ghanese, dice di essere figlio di genitori benestanti, e vive a Parma. Da un paio d’anni è diventato celebre per i suoi brani postati su Youtube che raggiungono cifre stratosferiche di like e visualizzazioni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Super Mario Run, il famoso gioco Nintendo da domani disponibile su iPhone

next
Articolo Successivo

“Parassiti, scrocconi, egoisti, miserabili mangiatori”: così i “banditi della tartina” si spacciano per giornalisti e ‘infestano’ eventi e presentazioni

next