“Peggio del Porcellum”; “Sistema per fare fuori gli onesti: cioè noi”; “La nostra legge elettorale è sempre il proporzionale”. Sono solo alcune delle dichiarazioni dei parlamentari M5s sull’Italicum raccolte in un arco temporale che va da due anni fa fino a questo autunno. L’allora tanto vituperata normativa è tornata a piacere al Movimento che chiede di andare al voto il prima possibile con l’Italicum “corretto” (ovvero esteso anche al Senato). Sulla legge elettorale pesa comunque la decisione della Corte costituzionale che ha annunciato la prima udienza sull’argomento per il prossimo 24 gennaio.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

SI e Lega contro la fiducia sulla manovra: “Dal governo ultimo atto di forza. Niente fondi per Ilva e contratti”

next
Articolo Successivo

Italicum, Fico (M5s): “Dopo Consulta per noi è ok. Incoerenti? Chi la fa l’aspetti”

next