“Se fossimo in un casinò di Las Vegas, Matteo Renzi lo avrebbero buttato fuori da tempo”. Parola di Massimo Villone, costituzionalista ospite della chiusura della campagna referendaria per il No presso la sede della Cgil a Roma. Il premier ha ammesso che, così come formulato, il quesito referendario potrebbe portare a votare Sì fino al 3 per cento degli elettori. “E’ la misura di quanto imbrogli sulle regole – tuona Villone – il testo è simile a uno spot che invoglia un consumatore a comperare un prodotto avariato”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, è così che bisogna votare: NO!

next
Articolo Successivo

Riforme, Renzi-show a Reggio Calabria: “Salvini fannullone”. Poi spiega la mappa del Cile a Di Maio

next