Se la candidatura alla presidenza di Gianni Pittella avrà successo, nessuno potrà più dire che Parlamento europeo si perde tempo in lunghe ed estenuanti votazioni. Sì, perché il politico lucano, attualmente vice del tedesco Martin Schulz, non ama perdere tempo, soprattutto se l’orologio punta verso l’ora di pranzo. Memorabile la votazione lampo del 2013 a Strasburgo, quando in soli 57 secondi ha fatto approvare i 16 emendamenti della relazione “Innovazione per una crescita sostenibile: una bio-economia per l’Europa” . Un record. Sul testo – va precisato – c’era un grande consenso politico, così il capogruppo dei Socialisti e Democratici ha messo il turbo e a suon di “chi è a favore, chi è contrario, chi si astiene, approvato!” ha portato a termine la votazione in meno di un minuto. Una maestria che gli ha fatto guadagnare una vera e propria ovazione da parte degli deputati. Le sue ultime parole all’Europarlamento? “Buon appetito”. Altri applausi. Per dovere di cronaca segnaliamo che lui quel giorno ha dovuto saltare il pranzo a causa di una serie di impegni politici

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parlamento Ue, Gianni Pittella candidato alla presidenza. Mussolini lascia il Ppe in polemica con Schaeuble

prev
Articolo Successivo

Ue, Gianni Pittella nuovo presidente del Parlamento?

next