Nel giorno in cui l’Associazione italiana dei malati di Sla ha manifestato davanti al Tesoro lamentando che i fondi stanziati per le persone con gravi disabilità sono insufficienti, il ministro del Lavoro Giuliano Poletti si è impegnato a presentare un emendamento ad hoc alla legge di Bilancio durante il passaggio in Senato. Il Fondo per la non autosufficienza, che è stato reso strutturale e attualmente ha una dotazione di 400 milioni, nel 2017 sarà incrementato di altri 50 milioni oltre ai 50 in più già previsti dalla manovra. Si arriverebbe così a 500 milioni. “Le associazioni e le organizzazioni sindacali hanno apprezzato, ma giudicato ancora insufficiente la proposta di incremento del fondo avanzata dal Ministro, chiedendo uno sforzo maggiore e di natura strutturale“, si legge però nella nota diffusa dal ministero dopo l’incontro tra Poletti, le associazioni di rappresentanza e i sindacati. Per questo “le parti hanno convenuto di continuare il confronto a partire da un primo incontro già fissato per il 6 dicembre”.

I 50 milioni ipotizzati durante l’incontro di mercoledì sono considerati “base minima acquisita di aumento, con l’obiettivo di arrivare a 100 milioni di incremento per il 2017, che porterebbero l’incremento complessivo a 150 milioni rispetto alla dotazione precedente del fondo”. In più “si formalizzerà l’istituzione del tavolo per la non autosufficienza con i soggetti presenti, gli altri ministeri competenti, l’Inps, le Regioni e l’Anci, per definire puntualmente obiettivi, interventi e tempi per la stesura del piano nazionale delle politiche per la non autosufficienza”.

Pina Esposito, consigliere nazionale di Aisla, ha commentato: “Apprezziamo lo sforzo del ministro Poletti per aumentare il Fondo. E’ un gesto importante di ascolto e attenzione alle esigenze dei disabili e delle persone con Sla. Chiediamo tuttavia un ulteriore aumento delle risorse e auspichiamo di avere conferma il 6 dicembre dell’aumento a 550 milioni complessivi del Fondo non autosufficienze e della sua stabilizzazione”.

Per Mariangela Lamanna, vicepresidente del Comitato 16 novembre che rappresenta gli ammalati di Sla e di tutte le patologie altamente invalidanti, l’impegno all’aumento è “una vittoria per tutti i disabili, soprattutto quelli gravi e gravissimi”. Tra i punti importanti dell’accordo raggiunto, si legge sul verbale della riunione, anche quello di “rafforzare il monitoraggio delle politiche regionali e dell’utilizzo delle risorse trasferite alle regioni”. Sarà, spiega Lamanna, “una cabina di monitoraggio sull’attuazione del Piano, per verificare come nelle regioni vengono spesi questi soldi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banca Etruria, ex presidente Fornasari ed ex direttore generale Bronchi assolti dall’accusa di ostacolo alla vigilanza

prev
Articolo Successivo

Banche, l’inglese Rbs bocciata agli stress test. “Serve un aumento di capitale da 2,4 miliardi di euro”

next