“Sono fiero di far parte di una forza politica che chiede l’autosospensione di chi ha ricevuto un avviso di garanzia, anche per evitare di danneggiare il M5S“, si difende dal palco della Feltrinelli Alessandro Di Battista sul caso delle firme false che ha coinvolto diversi esponenti ed eletti del Movimento 5 Stelle tra Palermo e Bologna. Eppure, nel caso siciliano, deputati nazionali come Riccardo Nuti e Claudia Mannino, finiti a loro volta nel registro degli indagati, sono ancora al loro posto, in attesa di essere interrogati. “Non si sono sospesi e non sono ancora arrivate sanzioni da parte nostra? Dovete chiedere al Garante (Grillo, a Roma per guidare il corteo del M5S per il No al referendum, ndr), che non sono io. Io mi auguro si autosospendano nelle prossime ore”, replica ai microfoni del fattoquotidiano.it. Rispetto ad altri casi, come quello che coinvolse il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, i tempi in casa M5S si sono però allungati: “Comportamento diverso? Non prenderei come esempio Pizzarotti, lui aveva taciuto quanto ricevuto”, si è difeso il deputato pentastellato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fidel Castro morto, Saviano: “Dittatore. Incarcerò gli oppositori, perseguitò gli omosessuali”. Salvini: “Non piango”

next
Articolo Successivo

Di Battista: “Berlusconi? Meno peggio di Renzi. Premier è più pericoloso”

next