Mancano soltanto due settimane al voto sul referendum costituzionale. Ai capolinea della metropolitana A e B e lungo le fermate della Metro C, all’interno delle periferie romane, quasi tutte le persone che abbiamo intervistato sanno che il 4 dicembre ci sarà il voto referendario, ma molti, anzi praticamente nessuno, sa quali sono gli argomenti sui quali saranno chiamati a esprimere il proprio voto. Un tema che più di altri sembra aver attirato l’attenzione degli elettori è il nuovo Senato, sul quale divergono le interpretazioni: subirà una “riduzione”; oppure una più drastica “abolizione”; per altri nella riforma c’è la “riduzione degli stipendi dei parlamentari”. Ma c’è anche chi ammette: “Non ho capito i termini della questione”. La maggioranza degli intervistati garantisce che andrà alle urne. E i più ‘informati’ sembrano avere una certezza: “Si vota su Renzi”.

Altro che “merito” della riforma, sembra un coro unanime: “Se vince il No il premier si dimette“; si voterà su “se vogliamo Renzi Sì o No”; “alla fine si sceglie pro Renzi o contro Renzi”, rispondono in molti. E ancora: “Della riforma non m’interessa, l’importante è mandare a casa Renzi”; “Renzi deve andare via perché non sta facendo niente per noi cittadini italiani”. Insomma, sembra che la personalizzazione abbia lasciato un segno indelebile durante la campagna elettorale referendaria. E c’è anche chi se ne dispiace: “Una scelta sbagliata, io avrei gradito un referendum con più domande, non con una soltanto”. Non è l’unico. “Dicono che andiamo a votare per poter cambiare, altrimenti per i prossimi trent’anni non si cambia più e per me che ho settant’anni questa è dunque l’ultima occasione” afferma un altro intervistato.

I più giovani non sanno ancora su quali modifiche costituzionali si voterà, ma assicurano “che s’informeranno” e andranno (quasi tutti) a votare. Altri invece hanno già le idee “chiare”: “Io voto Sì anche se non conosco ancora i punti della riforma” replica un intervistato. Allo stesso modo una signora rivendica: “Non conosco la riforma, ma voterò No”. Molta è l’incertezza e c’è anche chi si lancia in appelli: “Votate No perché qui ci sono troppi disoccupati”. “La battaglia tra il Sì o il No è una battaglia tra frustrati” sentenzia un signore. In altri è la disillusione a vincere: “Per noi cittadini italiani non cambierà niente”. Non manca chi dichiara la propria astensione perché “non m’interessa” o perché “è tutto uno schifo”. Ma cosa significherà questo voto? “Se passerà è la dimostrazione che noi italiani possiamo fare una riforma così importante, brutta o bella che sia”, afferma un ragazzo. Un altro intervistato sottolinea: “Se passa il Sì avremo un governo e un personaggio come Renzi che si sentiranno ancora più forti. Se passa il No non penso che ci sarà una catastrofe“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, l’ultimo sondaggio prima del silenzio: No davanti di 5 punti, ma il 25 per cento è ancora indeciso

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, i profili psicologici dei tre leader del Sì e del No

next