Dalla piazza di Firenze parte la rincorsa di Matteo Salvini alla leadership del centrodestra. Accanto a lui sul palco del No anche il governatore della Liguria Giovanni Toti, che butta acqua sul fuoco: “Premier e leadership la scelgono gli italiani, chi avrà consenso guiderà la coalizione, gli altri gli devono lealtà. Ma questo è l’ultimo dei problemi. Prima costruiamo il campo, gli spalti, le porte e poi penseremo all’allenatore”. Dalla piazza e dalla città pareri contrastanti. Chi pensa che sia l’uomo giusto, chi al contrario non crede nella possibilità di un suo futuro a Palazzo Chigi

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Padova, Bitonci (Lega): “Mi ricandiderò alle prossime elezioni senza i traditori”

next
Articolo Successivo

Referendum, D’Alema: “Se vince il Sì di Renzi il Pd non c’è più”. Poi rassicura: “Dopo il voto mi ritiro”

next