A 20 anni di distanza arriva nella prossima stagione – in Gran Bretagna il 27 gennaio, in America il 3 febbraio, in Italia ancora non si sa – Trainspotting 2, sequel del cult di successo del 1996, che vedeva protagonisti un gruppo di eroinomani all’ultimo stadio. Danny Boyle (che nel frattempo ha girato tra l’altro un film da Oscar come The Millionaire) e Ewan McGregor, anche lui con una esperienza di regista con American Pastoral, tornano insieme per questo progetto che ha dato il via alle loro rispettive carriere internazionali.

Nel cast anche gli interpreti del film originale, Jonny Lee Miller, Robert Carlyle e Ewen Bremner. Tornano ma hanno messo da parte l’eroina e hanno un nuovo pallino, quello della pornografia. Trainspotting 2 è infatti in realtà un adattamento del romanzo “Porno” di Irvine Welsh (stesso autore di Trainspotting), scritto da John Hodge.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yo Yo Ma e i musicisti della seta, “se si cerca di uccidere lo spirito umano quello si vendica con la bellezza”

next
Articolo Successivo

Caina, il film sulla ‘trovacadaveri’ di migranti

next