LA PELLE DELL’ORSO di Marco Segato. Con Marco Paolini, Leonardo Mason, Lucia Mascino. Durata: 92’ (Italia, 2016) Voto 3/5 (AMP)

Non era una bestia come le altre. Non a caso quell’orso era chiamato il diaol, il diavolo, dagli abitanti di un villaggio dolomitico a inizio anni ’50. Il reietto e alcolizzato Pietro decide di cacciarlo e farlo definitivamente fuori, scommettendoci una fortuna. Suo figlio Domenico, adolescente introverso ma reattivo e con il quale fatica a comunicare, lo segue suo malgrado nell’impresa che diventerà per lui un viaggio formativo di portata maiuscola. Coraggioso ma confortato dalla fiducia in lui posta da Marco Paolini (protagonista e co-sceneggiatore), l’esordiente padovano Marco Segato si addentra fra le righe dell’omonimo romanzo di Matteo Righetti con la coscienza di un testo ben più profondo delle apparenze. L’adattamento che ne confeziona è onesto, ben lavorato sulle difficili relazioni esistenti in quel tempo e in quel particolare contesto geo-sociale, e rispettoso dei tratti misteriosi ed ermetici dell’umanità di quello spaccato di mondo.

[/brightcove]5195610032001[/brightcove]

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 5 e 6 novembre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl cinema, più soldi e stop alla censura. L’associazione 100autori: “Legge attesa da 40 anni”

prev
Articolo Successivo

Souq Film Festival 2016, quando il cinema crea ponti

next