Finanziamenti aumentati del 60% con un fondo ad hoc per il settore che non potrà mai scendere sotto i 400 milioni di euro, criteri di selezione automatici e più efficienti. Ma anche il potenziamento del credito di imposta, incentivi per chi investe e per le nuove sale, abolizione della censura di Stato. Con il sì definitivo della Camera – che l’ha approvata con 281 voti a favore, 97 contrari e 17 astenuti – diventa realtà la nuova legge per il cinema. Il testo “sarà in vigore già da gennaio 2017”, annuncia il ministro della Cultura Franceschini. Che sottolinea: “È una riforma attesa da decenni, mette a disposizione più risorse al settore in maniera automatica e pone fine alla discrezionalità”. Soddisfatte tutte le associazioni di settore, dall’Agis all’Anica, Anec, Anem, 100 autori. Per le relatrici alla Camera, Lorenza Bonaccorsi, e al Senato, Rosa Maria Di Giorgi, è “una promessa mantenuta“.

“Un provvedimento che il mondo del cinema e della produzione audiovisiva aspettava da 40 anni – dice Francesco Bruni, presidente dell’Associazione 100autori – Ci stiamo avvicinando ad un sistema più moderno di finanziamento e di rilancio di tutto il settore, non solo sul piano industriale ma anche a garanzia degli autori”, sottolinea a sua volta Andrea Purgatori, coordinatore dell’associazione. Soddisfatto il regista Roberto Andò, in particolare per l’introduzione delle definizioni di “documentario”, “film difficile”, “opera d’animazione” e “sala d’essai”, che ritiene “fondamentali per le specifiche assegnazioni dei contributi selettivi”.

“Scegliere di sostenere i giovani talenti e anche quelle produzioni che non potrebbero facilmente reggere sul mercato è una scelta coraggiosa – commentano i registi Daniele Luchetti e Roan Johnson – così come trovare soluzioni per avvicinare il pubblico alle sale cinematografiche”. In una nota, 100autori assicura che continuerà a porre attenzione alle leggi delega e in particolare alla revisione delle norme che regolano gli obblighi di investimento e programmazione per i fornitori di servizi media audiovisivi. Mentre auspica, “laddove le risorse lo consentiranno”, un ulteriore incremento della quota del Fondo selettivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caina, il film sulla ‘trovacadaveri’ di migranti

prev
Articolo Successivo

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 5 e 6 novembre

next