La promessa di non dire più parolacce del presidente filippino Rodrigo Duterte, noto ai media internazionali per la repressione del consumo di stupefacenti con metodi violenti (“Sterminerei i tossicodipendenti come Hitler fece con gli ebrei”), arriva in conferenza stampa dopo una rivelazione: “Ero in aereo, e mentre tutti dormivano sento una voce che mi dice “se dirai ancora parolacce farò cadere questo aereo”. Ovviamente a parlare con Duterte “è stato Dio“. Che evidentemente non ritiene di avere richieste più urgenti da fare al presidente

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ungheria, Orban: “Renzi nervoso”. Premier: “Noto preoccupazione, ma l’Italia non è più un salvadanaio”

next
Articolo Successivo

Ma dove vai se la pistola non ce l’hai? E la lite tra automobilisti si placa in un istante, con 22milioni di views

next