L’ex segretario del Pd Pierluigi Bersani continua sulla sua strada e ribadisce la propria contrarietà alla riforma costituzionale fortemente caldeggiata da Matteo Renzi. “Per risolvere questo problema o si cancella l’italicum o si ferma la riforma costutuzionale, terze strade non ci sono” ha detto a margine di un appuntamento pubblico. “Io sono per i collegi, non per le preferenze, ma sempre meglio le preferenze delle nomine – ha detto ancora Bersani a proposito della legge elettorale -, sono contro il ballottaggio, sono per un secondo turno di collegio, forse Renzi non lo sa ma è una cosa tutta diversa”. Poi l’affondo alla riforma del premier: “Penso che l’incrocio tra l’italicum e la riforma costituzionale cambi la forma di governo del paese  e ci consegni il governo del capo, scelto non si sa come. Sfido Renzi a trovare una mia dichiarazione che non ripercorra esattamente quello che ho detto adesso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum costituzionale, i tre motivi per cui voto No

prev
Articolo Successivo

Referendum, Monti: “Voterò No, consenso di Renzi basato su elargizioni. Ma se perde il Sì non deve dimettersi”

next