Ci sono giornalisti onesti e altri disonesti, bravi e meno bravi, supini al potere o con la schiena dritta. Come lo sono i medici, gli ingegneri, gli idraulici, i macchinisti. Ed è possibile che la nostra personale opinione corra il rischio di esondare rispetto alla cronaca nuda e cruda. Ed è anche vero che il giornalista quando racconta un fatto, se anche lo fa con onestà e con completezza, produce spesso una verità approssimata, non sempre incontrovertibile. La faziosità è una colpa grave. Che però fa il pari con l’accusa capovolta: anticipare nel commento a una notizia il giudizio di inaffidabilità, di partigianeria. Ce ne accorgiamo spesso soprattutto noi del Fatto Quotidiano, incaprettati – per la sola ragione che questo giornale ha un’idea forte e antagonista del potere – a un ruolo, un’idea, una simpatia.

Dico questo perché penso che Grillo e tutti i militanti del Movimento cinque stelle abbiano ogni diritto di contestare gli eccessi, documentarli, criticarli. Quel che non si deve fare è utilizzare un tono e un linguaggio violento. Quel che non si può fare, che né Grillo né i suoi compagni possono immaginare possibile, è l’idea che l’unica strada sia l’autorappresentazione delle proprie gesta.

I giornalisti avranno ecceduto (io penso di sì) a raccontare a volte con un’enfasi da fine del mondo la crisi della giunta capitolina, le divisioni tra la Raggi e il direttorio, i problemi degli assessori, quelli di Di Maio, la vita privata della sindaca. Ma se non ci fossero stati i giornalisti cosa si sarebbe conosciuto di una stasi amministrativa che dura oramai da tre mesi?

Poco più di niente.

E siamo sicuri che sarebbe stato tutto bello anzi bellissimo, come assicura Virginia?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Da Giancarlo Siani fino a Giulio Regeni, memoria e futuro

next
Articolo Successivo

‘Sei un giornalista? Fai schifo’, perché la gogna grillina è un pericolo e un alibi per la stampa

next