Bisogna ammettere che il boccone era ghiotto: due campagne pubblicitarie demenziali a distanza di pochi giorni, un cocktail micidiale di conformismo e perbenismo conditi con un pizzico di salutismo, razzismo e paternalismo, serviti con abbondante sciatteria. La Rete è stata, nel suo complesso, implacabile, anche se il risultato al quale alcuni hanno puntato con #lorenzindimettiti è stato mancato.

Mentre lentamente cala la piena dell’indignazione, vale la pena riflettere su ciò che ne resterà. Lorenzin è probabile che resti al suo posto, ma non è forse questo il dato più significativo. Il problema vero è che l’Italia resta uno dei peggiori Paesi al mondo per il proibizionismo sulla scienza e sulla salute: droghe proibite dalla cannabis in su, carcere pesante per scienziati che volessero ricercare su embrioni o per medici che volessero aiutare un malato terminale a ottenere l’eutanasia, turismo procreativo che prosegue, sabotaggio dell’aborto attraverso l’obiezione/imposizione di coscienza, nessuna vincolatività sul testamento biologico, e altro ancora.

Il problema è che questa montagna di ostacoli, ritardi e vere e proprie violenze sul corpo dei cittadini esistevano, esistono e, temo, esisteranno a lungo anche dopo Beatrice Lorenzin. Come Associazione Luca Coscioni ce ne occuperemo in occasione del nostro XIII Congresso, che terremo a Napoli dal 30 settembre al 2 ottobre. Mentre il Parlamento continua a traccheggiare persino sulla cannabis e a tener bloccata in Commissione l’eutanasia, noi continuiamo a seguire la strada dell’iniziativa giudiziaria e della disobbedienza civili.

Riconosco che la comunicazione sia importante, e che una campagna pubblicitaria può segnare il regresso più che il progresso di un Paese. Ma le leggi e le politiche non sono meno importanti. Speriamo che sia avanzata “un’anticchia” di indignazione anche per quelle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fedeltà a se stessi, un sapiente dosaggio di follia e impudenza

next
Articolo Successivo

I (miei) dieci luoghi più belli del (mio) mondo

next