Erano in contatto con Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, l’autore della strage di Nizza avvenuta il 14 luglio scorso. Otto persone sono state arrestate nella notte tra la città della Costa Azzurra e comuni vicini nel dipartimento delle Alpi marittime. “Si tratta di conoscenti dell’autore dei fatti”, ha confermato una fonte giudiziaria citata dal giornale locale Nice-Matin, che prosegue: “Sono posti in stato di fermo, stiamo facendo delle verifiche. Si tratta di uomini di nazionalità francese e tunisina“.

Salgono così a 15 le persone arrestate nell’ambito dell’inchiesta sulla strage, tutte sospettate di aver in vario modo aiutato il 31enne che alla guida di un camion si è lanciato contro la folla sulla Promenade des Anglais, uccidendo 86 persone, tra cui sei italiano, e ferendone più di 400.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, i due italiani in mano a “un gruppo di criminali”: rischio che li vendano ai terroristi. Viaggiavano senza scorta

next
Articolo Successivo

Siria, raid su convoglio Onu: ‘Sospesa consegna di aiuti’. Ban Ki-moon attacca Assad. Amnesty Italia: ‘Crimine di guerra’

next