La destra populista ha sempre avuto rapporti cordiali con il Club dei Dittatori. Berlusconi ebbe ottime relazioni con Putin, Erdogan, Gheddafi, Kuchma, Mugabe e Afeworki, ma, almeno nel caso di Gheddafi c’erano le vecchie ragioni di opportunità geopolitiche. Salvini e Razzi hanno fatto un passo in più verso il surrealismo andando a omaggiare Kim Yong-Un, il despota con la faccia da bamboccio che gioca con i missili e governa sulla fame di milioni di coreani con esecuzioni spettacolari come quelle dell’Isis.

corea fucilato  con un cannone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Corea del Nord, media Seul: ‘Vicepremier fucilato. Funzionario si appisola davanti a Kim jong-un: ucciso da contraerea’

next
Articolo Successivo

Botte da orbi davanti alla telecamera, milionario incastrato per l’aggressione a un pensionato

next